decoro, manutenzioni, comitato di via torresi

attività nell’ambito del decoro, del contrasto al degrado, delle manutenzioni e del comitato di via torresi

FIRMA e CONDIVIDI LA PETIZIONE per aiutare via Torresi dopo la presa in giro del Comune!

FIRMA QUI: https://www.change.org/UnaFirmaPerViaTorresi

22/9/2021: Un anno di impegni non mantenuti, il Comitato di via Torresi chiede al Comune l’incontro promesso un anno fa e rifiutato da sei mesi, parte una petizione

Esattamente il 6 ottobre 2020 i Portavoce del Comitato di via Torresi e l’Amministrazione comunale (Assessori Sediari, Foresi, Manarini e Dirigenti Centanni e Fiorentino) a seguito di un incontro constatarono la necessità di intervenire su più fronti al fine di migliorare la vivibilità e il decoro urbano nel quartiere.

Il Comitato ha sempre collaborato, segnalando a chi di dovere tutte le situazioni di interesse comune. Purtroppo nulla di ciò che era stato promesso è stato mantenuto e oltre a ciò ci viene negato il colloquio con i medesimi Amministratori, allargato ad ERAP, nonostante i solleciti, telefonate, pec, tutti bloccati dalle segreterie o uffici come ERAP. Il classico gioco del rimpallo e del muro di gomma attuati per sfibrare i cittadini che cercano di curare il proprio quartiere (e città tutta).

E’ stata lanciata una petizione popolare a cui invitiamo i cittadini a partecipare sottoscrivendola; i temi, già segnalati da anni agli Assessori, ERAP Amministratori condominali, sono:

1. Destino delle Scuole Domenico Savio e Asilo Sabin

2. Degrado di via Torresi: marciapiedi sconnessi, cancellate e vecchi cartelli pubblicitari sulla strada arrugginiti e taglienti, sporcizia, verde non curato come dovrebbe, edifici pericolanti con staccionate cadute e a terra da mesi, ecc.

3. Vecchi edifici e capannoni dismessi, contenitori fantasma e fatiscenti

4. Largo Staffette Partigiane con muri deturpati, parco con cestini rifiuti a terra, incuria, campetto da basket senza i canestri, ecc..

5. Strade colabrodo con pericolo inciampo e caduta scooter

6. Situazione di disinteresse del Comune, di ERAP e di Amministratori condominiali nel comprensorio COMUNE/ERAP e Privati con degrado, sbriciolamento di mura, tombini chiusi, cordoli che cedono sulla strada interna, mancanza di regolamentazione degli spazi condivisi (giardini, strade, marciapiedi, posti auto, pulizie), alberi sani abbattuti senza permessi, problemi di convivenza civile per l’assenza di regole e regolamenti a tutela delle varie proprietà e proprietari.

Attraverso le pagina Facebook del “Comitato di via Torresi” e di “Spazio civico – La nostra Ankon” saranno pubblicati una serie di video, foto e interviste ai cittadini per raccontare nel dettaglio ciò che chiediamo, ignorati dagli Enti preposti, da più di un anno e per promuovere la Petizione che si può firmare anche su https://www.change.org/UnaFirmaPerViaTorresi

10/6/2021: Comitato di Via Torresi, manifestazione per spronare chi di dovere ad onorare gli impegni assunti e la parola data, nei video tutte le motivazioni. Intanto la raccolta firme va avanti presso la sede del Comitato, Tabaccheria Daniela Urbani – Art Glamour, Abbigliamento Fanesi Franca Fanesi e Daniele Ballanti – La nostra Ankon

15/5/2021: “Insieme per una Città più pulita”, Ankon nostra con le Comunità Immigrate anconetane, video nella sezione foto e video

4/5/2021: Iniziativa per la cura della Citta, raccolta rifiuti in Corso Carlo Alberto e Piazza Ugo Bassi. Chiunque può partecipare.

9/4/2021: Comitato cittadini di Via Torresi:                                                                                              Protocollata in Comune richiesta incontro del Comitato di Via Torresi con Assessori Sediari, Manarini, Foresi, Dirigenti Centanni e Fiorentino, Presidente ERAP Urbinati a sei mesi dal precedente incontro per verifica stato dei lavori manutenzione via Torresi, Scuole Savio, Asilo Sabin, edifici dismessi e supercondominio via Torresi 77/105. Vi terrò informati! https://www.facebook.com/groups/459436677440530

6/10/2020: si è svolto l’incontro che ho chiesto tra Comitato di via Torresi (dopo quello tra Comitato ad ERAP) e Amministrazione comunale

Oggi, dopo incontro di un mese fa con ERAP, si è svolto l’incontro tecnico-politico in Comune, che ho chiesto a gran voce da mesi. Presenti Daniele Ballanti, Silvia Trillini, Daniela Urbani e Marco Battino del Comitato di via Torresi, gli Assessori Sediari, Manarini e Foresi, l’Arch. Claudio Centanni dell’Ufficio Patrimonio, I Consiglieri Comunali Gianluca Quacquarini e Marco Ausili. Incontro che è servito per stimolare l’Amministrazione a coordinare gli interventi su ERAP ed Amministratori condominiali per il supercondominio di via Torresi 77/105, per fare da pungolo su Manutenzioni via Torresi e vie limitrofe e, non ultimo, sul futuro delle Scuole Savio e Asilo Sabin. L’Amministrazione si è mostrata sensibile alle tematiche care al Comitato, il quale ovviamente  seguirà l’evoluzione degli interventi assicurati.

19/5/18: Scuole Domenico Savio e scandalo degrado
La preside chieda scusa alle famiglie italiane le quali vengono da essa tacciate di pregiudizi! Il suo è un pensiero di minoranza e dato che lo stipendio lo prende dai cittadini, al 90% italiani, italiani non di carta ma di cultura e provenienza, non si permetta di offendere! Una cosí dovrebbe formare i nostri figli? Le Savio fanno schifo, prima era un gioiello, ma da 5 anni l’amministrazione promette e basta!

savio

27/12/17: peggioramento della situazione in via Torresi:

Marciapiedi, traffico, viabilità, illuminazione…

http://www.vivereancona.it/2017/12/27/viabilit-via-torresi-ballanti-e-urbani-peggiorano-le-condizioni/665832/

29/10/15: preoccupazioni dal Comitato di cittadini di via Torresi:

Mi hanno contattato, in veste di portavoce del Comitato di cittadini di via Torresi/Seppilli, esponendomi delle proccupazioni sul finanziamento per la parte delle scuole Savio ancora da ristrutturare e preoccupazioni sulle evoluzioni dell’intero complesso e sull’asilo Sabin.. Ne ho subito parlato con dei consiglieri comunali di mio riferimento ed attendo notizie per capire come muoverci.

20/11/14: il Comune scippa la vittoria sul degrado e l’incapacità amministrativa dei politici di governo anconetani facendo p una vittoria che è frutto del mio impegno personale! Né io, né il comitato di via Torresi/Seppilli di cui sono portavoce siamo stati contattati dalla Giunta Mancinelli e ci escludono da ogni stato di avanzamento dei lavori. All’inaugurazione di fine anno l’Assessore riconosca al sottoscritto e al Comitato la paternità della nostra vittoria!

Restituzione piazzetta via Seppilli. Ballanti ad Urbinati: “Reso possibile grazie all’Amministrazione Gramillano e al pressing di Daniele Ballanti”

immagine
 

In merito all’articolo con cui l’Assessore Urbinati si felicita per la prossima restituzione ai cittadini della piazzetta di via Seppilli, si fa presente, nel caso l’Assessore non lo sappia, essendo subentrato nel suo incarico da poco più di un anno, che il lavoro sulla piazzetta di Via Seppilli è stato reso possibile grazie all’Amministrazione Gramillano, che ha sbloccato i 413.000€ finanziati dalla Provincia già due anni fa destinandoli, grazie al pressing di Daniele Ballanti – al tempo segretario di API Ancona e appoggiato dal Comitato delle Grazie di cui è co-portavoce – alla ristrutturazione delle mura di via Torresi e al completamento della piazzetta in oggetto.Solo la petizione popolare realizzata nel 2011 da Ballanti, con il suo impegno continuo e costante contro l’immobilismo delle Istituzioni, e l’utilizzo di ogni strumento possibile (petizione-assemblea pubblica-manifestazioni di protesta-costituzione del Comitato di cittadini di via Torresi e Seppilli-ordinanze per obbligare alla ristrutturazione delle mura e marciapiedi di via Torresi e completamento della piazzetta Seppilli) e l’accoglimento delle richieste da parte dell’ex Sindaco Gramillano e sostegno del gruppo di Alleanza per l’Italia di Ancona, ha reso possibile il traguardo raggiunto oggi.Dopo tre anni il quartiere ha ora le mura e i marciapiedi di via Torresi ristrutturati e la piazzetta Seppilli presto restituita ai cittadini dopo 15 anni di incuria e abbandono da parte dei politici del Comune e della Circoscrizione che parlavano di impossibilità di far eseguire i lavori di ristrutturazione alle mura pericolanti. Una bella vittoria per i cittadini e ottenuta grazie all’impegno di un semplice cittadino aiutato da altri comuni cittadini!Daniele Ballanti Portavoce del Comitato Spontaneo di Cittadini di via Torresi e Seppilli

http://www.vivereancona.it/index.php?page=articolo&articolo_id=505190

7/5/14: Mi hanno riferito che all’assemblea di pochi giorni fa hanno tentato di scipparmi il merito di aver fatto ristrutturare le mura di via Torresi e spinto per l’avvio della soluzione all’annoso problema della piazzetta Seppilli mai sistemata.. 15 anni di abbandono e i politici del tempo, di palazzo e di circoscrizione dicevano che non c’era soluzione.. ma la soluzione l’ho trovata io!! La petizione che feci nel 2011, l’assemblea pubblica del 2012, la costituzione di un comitato popolare ad hoc nel quartiere “comitato di cittadini di via Torresi e Seppilli”, innumerevoli solleciti, visite, appuntamenti, riunioni con i politici (alla presenza anche di odierni assessori..), telefonate di sollecito, centinaia e centinaia…Nel mio blog sono certificati 3 anni di attività a cavallo di due consiliature, gli ostacoli subiti dai politici e l’aiuto del sindaco Gramillano che mi concesse le due ordinanze! ED OGGI QUALCHE POLITICANTE DELLA PSEUDO-MAGGIORANZA HA IL CORAGGIO DI SCIPPARE IL MERITO DI TUTTO QUESTO?? E’ UNA VITTORIA DEI CITTADINI NON DEI POLITICI! GIU’ LE MANI!

5/5/14: Dopo tre anni di mio impegno partono gli ultimi lavori sui via Torresi e piazzetta Seppilli! I detrattori hanno solo chiacchierato e sparlato male di chi si è dato da fare (mentre loro si sono solo lamentati) muovendo 18 anni di immobilismo politico e amministrativo, ma i risultati di oggi parlano chiaro!
Ecco la relazione dell’assessore Urbinati sul progetto di recupero di piazzetta Seppilli e ultima porzione da ristrutturare delle mura pericolanti di via Torresi.

progetto grazie

progetto grazie descrizione progetto grazie

15/3/14: Per la ristrutturazione dell’ultimo tratto di mura pericolanti di via Torresi e la sistemazione della piazzetta Seppilli la settimana prossima avverrà il sorteggio delle ditte che parteciperanno alla gara; subito dopo ci sarà la presentazione del progetto esecutivo con successiva visione pubblica della determina e del progetto sul sito web del Comune di Ancona. Questa è una vittoria del Comitato delle Grazie che non ha mai smesso di sollecitare le ultime due amministrazioni troppo “lente” nel prendersi cura di via Torresi e Seppilli, dopo un abbandono di ben 15 anni!

Le amministrazioni nel tempo hanno fatto incontri risolti con il nulla di fatto.. 17 anni di stop.. fino a che arrivò uno che fece una petizione, creò consenso, strumenti operativi, partecipazione, aprì un comitato ad hoc e un sindaco lo appoggiò rispondendo a quello che chiedevano i residenti.. chi non è in malafede pensa bene.. chi è stato superato da un cittadino come gli altri che ha fatto fare la figura dei chiacchieroni ai signori della politica, prova solo invidia e vuole distruggere chi ha mosso ed ottenuto una soluzione per il quartiere! questa è la realtà, piaccia o non piaccia..

15/1/14: conferma dell’amministrazione sull’avvio dei lavori via Torresi e piazzetta di via Seppilli: pagina comunicati stampa 2014

19/12/13: presto i lavori di completamento delle mura di via Torresi e piazzetta di via Seppilli:

mura nuove 2014

Ho avuto conferma dall’ammnistrazione che a breve partiranno anche i lavori che chiesi sulle mura di via Torresi a salire a destra e sulla piazzetta di via Seppilli.. anche se lontano da Ancona ovviamente non ho smesso si interessarmi alle problematiche che seguo da anni. ricordo che tutto partì con la petizione che feci tre anni fa, seguito dall’assemblea pubblica che chiesi ed ottenni, innumerevoli incontri con sindaco, assessori, la costituzione del comitato delle grazie, costatami anche alcune minacce e inimicizie politiche.. e molta indifferenza anche dai residenti.. cmq anche questa promessa che feci tre anni fa è in via di completamento.. ovviamente sorveglio di continuo che nulla sfori nei tempi di realizzazione.

foto mura torresi rifatta

15/12/13: promessa mantenuta per le mura di via Torresi:

Nel 2011 avevo promesso, prendendomi in carico il problema delle mura pericolanti di via torresi, che le mura sarebbero stare ristrutturate. A dispetto dei politici che mi dicevano che non si potevano sistemare io sono andato avanti con caparbietà. Ho fatto una petizione, una assemblea pubblica, chiesto ordinanze pubbliche, parlato quasi ogni settimana con sindaco, assessori e dirigenti, speso soldi in telefonate, materiale, ecc ho fondato un comitato ad hoc, fatto iniziative di protesta sul luogo, impiegato tante energie personali.. Ma la soddisfazione più grande è vedere le mura ristrutturate e sentirmi in pace con la mia coscienza ed essere soddisfatto.. Anche se questo lavoro non é stato apprezzato dai residenti, escludo i pochi che ho chiamato a collaborare con me.. Ogni cittadino può fare come,ho fatto io: si smetta di lamentarsi e si sia da fare per risolvere i problemi in prima perdona! Posso dire che sono molto soddisfatto di aver speso tante energie per questo problema risolto!

27/11/13: il mio impegno civico sulle mura di via Torresi hanno vinto la burocrazia e anni di inerzia dell’amministrazione:

Per 15 lunghi anni le mura di via Torresi sono state negate agli anconetani, rendendo impraticabili i marciapiedi. Ma è grazie all’impegno civico che, dopo due anni di lotta, gli ostacoli burocratici sono stati finalmente superati.

“1.176 firme raccolte in un solo mese – ci dice Daniele Ballanti che ha ideato la petizione – grazie anche al coinvolgimento di alcuni operatori commerciali della via. Da qui l’inizio di una presa in carico di un problema che sembrava irrisolvibile”.

“In 15 anni nè il Comune nè la Circoscrizione – prosegue Daniele Ballanti, portavoce Comitato spontaneo di cittadini di via Torresi e Seppilli – nonostante i solleciti di alcuni residenti, ha saputo risolvere il problema. Ma è grazie al mio impegno unito a tutti coloro che hanno collaborato, con le nostre forze e la nostra forte determinazione, che siamo riusciti a risolvere il problema”. La petizione venne consegnata nelle mani dell’allora Sindaco, Fiorello Gramillano, chiedendo interventi per sbloccare l’impasse burocratica. Un lungo periodo di richieste, incontri, riunioni e solleciti tra assessori e circoscrizione per raggiungere l’obiettivo anche attraverso la costituzione del ‘Comitato spontaneo di cittadini di via Torresi e Seppilli’.

Da segretario cittadino di Alleanza per l’Italia Ancona prima e da privato cittadino poi, Daniele Ballanti, aveva seguito la vicenda che era stata anche condivisa dall’allora gruppo di appartenenza. “Dopo l’assemblea pubblica voluta – afferma Ballanti – per avvicinare residenti ed amministrazione alla presenza dell’assessore Maiolini e il presidente di circoscrizione Foresi promisero la soluzione a ‘breve’, non solo per le mura di via Torresi, ma anche per la piazzetta di via Seppilli grazie al contributo della Provincia, erogato al Comune, di 413.000€, somma da inserire nel Bilancio 2013 del Comune. I due amministratori indicarono i tempi di inizio lavori nel secondo semestre del 2013, promessa che venne rinnovata in una riunione tra gli stessi amministratori. Io come altri componenti del Comitato di via Torresi e Seppilli, trascorsi alcuni mesi, abbiamo atteso senza che accadesse nulla, nonostante i solleciti. Così, spinto anche dai residenti, ho chiesto al Sindaco l’emissione di un’ordinanza per obbligare i proprietari a ristrutturare le mura e il comune a ripristinare i marciapiedi. Alla richiesta seguiva anche una protesta civile con tanto di striscioni sulle mura pericolanti.”

L’attesa ordinanza firmata dall’ex sindaco Gramillano arrivò. Era marzo 2013 e, dopo un mese di lavori, venne consegnata intatta la parte di muro a monte di via Torresi ed ora, dopo altri solleciti alla attuale amministrazione, sono iniziati i lavori sul tratto a valle e sulle scalette. Il Comitato di via Torresi e Seppilli rimane in attesa che la promessa di sistemare anche l’area di via Seppilli (e mura perimetrali che si affacciano su via Torresi lato destro a salire) venga onorata immediatamente.

“L’appello – conclude Ballanti – va anche ai due amministratori Eliana Maiolini, ad oggi segretario provinciale del Pd, e Stefano Foresi, attuale assessore della Giunta Mancinelli, che all’epoca dichiararono che i fondi della provincia erano nelle casse comunali e quindi dovrebbero, anzi devono, essere fondi riservati al motivo per cui vennero erogati. Promesse fatte pubblicamente – precisa Ballanti – e lavori che sarebbero dovuti iniziare già da mesi”.

30/8/13: per prossimo trasferimento di lavoro che mi porterà lontano da Ancona l’attività che ho portato avanti da tre anni nel quartiere e che ha avuto il merito di tenere alta l’attenzione, fare due ordinanze, un’assemblea pubblica, una petizione firmata da 1167 persone, e che ha portato alla ristrutturazione di una parte di mura, sono costretto a lasciare le attività operative. Ho chiesto ai soci del Comitato di via Torresi e Seppilli di prendere in mano la situazione e gli impegni in campo.  Da ora in poi altri residenti si prenderanno cura del quartiere.

26/6/13: incontrato l’assessore Urbinati per rendere esecutiva anche la seconda ordinanza rimasta finora inevasa; si è preso l’impegno di sbloccare la situazione dandoci appuntamento per inzio settembre (nuova Giunta, nuovo rinvio..).

6/5/13: il 20 giugno data della scadenza della seconda ordinanza sulle mura sono previsti in partenza i lavori anche nel tratto di mura a valle e scalette: la sorveglianza affinchè ciò avverrà nei tempi stabiliti sarà massima!

21/3/13: ecco a cosa è servito tutto l’impegno che ci ho messo in due anni: petizioni, assemblea pubblica, continuo pressing su sindaco e assessori, costituzione del comitato delle grazie, alla fine le mura ristrutturate!

DSCN0637

le mura ristrutturate grazie al mio impegno

7/2/13: il nuovo muro eretto

DSCN0482

3/2/13: lavori su una tratta di mura di via Torresi:  in sole poche settimane demolita la mura pericolante, eseguiti gli scavi e costruzione delle nuove mura! sono sempre soddisfatto e seguo l’avanzare del lavoro quotidiano, fino a quando l’intera mura sarà ristrutturata e i marciapiedi nuovamente transitabili dopo ben 15 anni!

DSCN0473

25/1/13: Ballanti portavoce del Comitato spontaneo di cittadini di via Torresi e Seppilli: ‘Comunicate al Commissario Straordinario le problematiche del quartiere’: sezione comunicati stampa

15/1/13: partiti i primi lavori sulle mura di via Torresi, sono soddisfatto! Quando vedo i lavori procedere sento una profonda emozione e soddisfazione per tutto quello che ho fatto in questi anni per ottenere questo! Grazie a tutti quelli che hanno condiviso con me questa battaglia!!

DSCN0464

12/1/13: messa in pratica una manifestazione-protesta con striscioni in via Torresi e Seppilli

grazie.jpg

savio.jpg

11/1/13: Mura, ‘Una lunga battaglia che inizia a dare frutti. Partono i lavori!’ Dopo anni d’impegno sono molto Soddisfatto: Finalmente partono i lavori su parte delle mura di via Torresi che tanto ho sollecitato negli ultimi due lunghi anni con energia ed impegno quotidiano. Mi sono impegnato per risolvere il degradante stato del quartiere (mura pericolanti di via Torresi, marciapiedi impraticabili che causano pericolo alla pubblica incolumità ai pedoni costretti a camminare sulla strada, asfalto colabrodo, scuole chiuse e non riaperte nelle date promesse, degrado e incuria nella piazzetta di via Seppilli trasformata in una giungla e discarica, illuminazione insufficiente).

Ma andiamo per ordine: – Marzo 2011: ho ideato e realizzato una petizione popolare per chiedere al Comune interventi sulle mura pericolanti e in un mese, grazie alla preziosa collaborazione di alcuni operatori commerciali e residenti della via che hanno collaborato con me nella raccolta, sono state raccolte 1.167 firme! – Giugno 2011: ho consegnato nelle mani del Sindaco la petizione con preghiera di occuparsi della problematica; da quel giorno non ho mai smesso di occuparmene. – Dicembre 2011: dopo mesi di stasi ho chiesto un’Assemblea Pubblica per far dialogare i residenti direttamente con l’Amministrazione. – Maggio 2012: nell’Assemblea Pubblica ci sono state diverse critiche agli Amministratori presenti (Maiolini, Biekar, Foresi, Mandarano) i quali hanno annunciato che entro 12 mesi (quindi entro maggio 2013) sarebbero partiti i lavori di sistemazione della piazzetta Seppilli e parte delle mura di via Torresi grazie ad un fin anzi amento della Provincia, soldi già stanziati. Nel frattempo è stata chiesta la bonifica della piazza da sterpaglie e canneti e la rimozione della discarica. – Agosto 2012: ho chiesto al Sindaco di emettere un’ordinanza che obbligasse l’esecuzione dei lavori (questo chiedevano i residenti). – Settembre 2012: visto l’empasse ho proposto al quartiere la costituzione del “Comitato di cittadini di via Torresi e Seppilli” per occuparsi della tutela del quartiere.

A fine mese il Comitato è stato costituito da me ed altri 6 soci fondatori. – Ottobre 2012: dopo un ulteriore sollecito al Sindaco sono state emesse due ordinanze (9 e 30 ottobre) che obbliga i proprietari ad effettuare i lavori di ristrutturazione entro 90 giorni. – Novembre 2012: via Torresi viene asfaltata e, in un incontro con la Maiolini, Foresi e Mandarano, rinnovo la richiesta di far bonificare la piazzetta Seppilli dalla giungla, dalla discarica (questa è stata rimossa pochi giorni dopo) e di far rimuovere la vecchia balaustra del Parco rimasta ad arrugginire dopo i lavori di otto mesi prima della nuova scalinata (balaustra in seguito rimossa dopo altri due miei solleciti). – Gennaio 2013: mentre l’asfalto di via Torresi, a soli due mesi del rifacimento, si falda in due punti (inaudito!), motivo per cui ho chiesto subito al Comune di rivalersi sulla ditta che ha eseguito i lavori affinchè provveda ad effettuare le dovute riparazioni, partiranno lunedi 14 gennaio i primi lavori sulle mura di via Torresi lato monte e a fine mese lato a valle.

Ora l’attenzione si concentrerà sui tempi dei lavori iniziati e quelli previsti sia per via Torresi che per via Seppilli e la piazzetta. Anche se in questi due anni sono stato criticato da alcuni politici per il mio eccessivo “interventismo”, viceversa sono stato sempre stato sostenuto dai residenti, e sono molto soddisfatto di come stanno procedendo le cose. Ritenendomi un semplice cittadino che si impegna in politica, perché fare politica è prioritariamente occuparsi dei problemi della città, anche quelli apparentemente più semplici e quotidiani, proseguirò la mia attività seguendo sempre con cura e costanza tutti i temi di mio interesse: il trasporto pubblico, la mobilità sostenibile, la sicurezza, la tutela dell’ambiente, del verde urbano, dei beni artistici ed architettonici, la lotta al degrado, all’incuria, ai costi della politica, alla povertà, la tutela dei servizi per i cittadini e quanto altro è d’interesse per la città. Ringrazio gli Amministratori che si sono sempre mostrati disponibili, in particolare gli assessori Maiolini, Giaccaglia, Signorini e i presidenti di circoscrizione Foresi e Mandarano e tutti i cittadini e gli opearatori commerciali del quartiere che hanno collaborato con me, per tutti noi!

27/12/12:  ho fatto un aggiornamento con l’assessore: la giungla nella piazzetta non è stata bonificata, l’assessore procede a sollecitare i lavori pubblici; i proprietari delle mura non stanno rispondendo alle ordinanze, le ho ricordato che sono esecutive! In compenso le ho detto che la discarica abusiva è stata bonificata..Poi ho parlato con il presidente di circoscrizione Mandarano e ho detto che nonostante il secondo sollecito la vecchia balustra non è stata rimossa: mi ha assicurato che avrebbe subito chiamato un fabbro (così è avvenuto, due giorni dopo la balaustra è stata rimossa)! Andiamo avanti fiduciosi stando comunque con il fiato sul collo degli amministratori, cosa che non mi spaventa!

29/11/12: chiesta e svolta una riunione all’assessore Maiolini, con presidenti di circoscrizione Foresi e Mandarano. Ho portato con me la portavoce del Comitato di cittadini di via Torresi/Seppilli: odg su lavori su piazzetta di via Seppilli e bonifica dal degrado e certezza dei tempi per l’ordinanza sulla ristrutturazione di via Torresi. C’è un qualcosa che mi preoccupa: la bonifica della piazzetta parte tra pochi giorni (erbaccia, discarica, rimozione vecchia balaustra della scalinata), ma sulle mura fino a che non vedo la partenza dei lavori non credo. I tempi sono massimo 90 giorni.. Io ho ribadito che la petizione è stata firmata da 1.167 cittadini e che questo dato deve pesare.. Tra qualche giorno torno alla carica per verificare l’avanzamento delle pratiche.

17/11/12: Ballanti e i residenti di via Torresi esultano per l’ordinanza sulla ristrutturazione delle mura. 

Finalmente s’intravede una via d’uscita all’annosa situazione di degrado e pericolosità costituita dalle mura pericolanti di via Torresi e la conseguente inagibilità dei marciapiedi che costringe i passanti a camminare sulla strada con grave pericolo per la pubblica incolumità. La bella notizia avviene alla distanza di due anni dal momento in cui mi sono assunto l’impegno di seguire costantemente questa problematica per trovare una soluzione. 18 mesi fa’ ideai una Petizione popolare per chiedere la ristrutturazione delle mura pericolanti e lo feci coinvolgendo residenti ed operatori commerciali della via che si trasformarono a loro volta in altri punta di raccolta delle firme; questo lavoro condiviso, che, secondo le mie intenzioni doveva creare unità nel quartiere, ha prodotto in un solo mese ben 1.167 adesioni. La petizione la consegnai nella mani del Sindaco e da quel momento in poi seguii l’evoluzione della pratica all’interno del Palazzo.

Dopo mesi d’impasse chiesi ed ottenni a maggio 2012 un’Assemblea Pubblica allo scopo di avvicinare i cittadini con le loro richieste, all’Amministrazione che ha il dovere di ascoltare i disagi della cittadinanza. In quel contesto venne annunciato, tempo un anno per l’avvio dei lavori, un primo intervento sulla zona e piazzetta di via Seppilli, ma sulle mura via di via Torresi non venne data nessuna speranza. Seguirono altri mesi in cui chiesi, anche direttamente al Sindaco, su pressione dei residenti ed operatori commerciali, l’emissione di un’ordinanza, ma la cosa rimase senza risposta. A settembre visto l’arrabbiatura dei cittadini interessati e per non perdere energie preziose di cittadinanza attiva sorte dalla proficua collaborazione, promossi la costituzione del Coordinamento spontaneo di Cittadini di via Torresi e Seppilli che si occupasse del quartiere e delle sue problematiche; il Comitato nacque grazie a sette soci fondatori, tra operatori economici e residenti, me compreso, e presto iniziarono le adesioni. Il primo atto del Comitato fu una nuova richiesta di emissione di un’ordinanza e l’avvio dei lavori di ristrutturazione. Finalmente oggi, dopo la mia decisa e continua presa in carico del problema finalmente la situazione si muove e presto vedremo l’avvio dei lavoro (tempi obbligati entro 90 giorni dall’ordinanza), se le cose procedono come previsto, e la restituzione di condizioni di agibilità per mura e marciapiedi. Un particolare ringraziamento va al Sindaco, agli Amministratori, a tutti i firmatari della Petizione, agli operatori commerciali e ai residenti che hanno con me condiviso il lavoro di raccolta firme facendo un lavoro a rete di vera cittadinanza attiva e partecipata.

I residenti possono aderire al Comitato di cittadini andando alla sede presso la Tabaccheria Urbani in via Torresi 53 o scrivendo a: comitato.torresiseppilli@gmail.com

15/11/12: l’impegno che ho preso due anni fa’ per via Torresi sta portando frutti: è stata emessa un’ordinanza per la ristrutturazione delle mura pericolanti e dei marciapiedi inagibili che costringono i passanti a camminare sulla strada mettendo a rischio al pubblica incolumità Prima la petizione (1.167 firme), poi l’Assemblea Pubblica a maggio 2012, il continuo interessamento esercitato sull’Amministrazione: tutto questo onorando l’impegno che mi ero preso con i residenti e gli operatori commerciali del quartiere. Ora entro 90 giorni i lavori devono partire!

6/11/12: via Torresi è ora asfaltata ma la gente è costretta a camminare sulla strada a causa dei marciapiedi impraticabili per i puntellamenti delle mura. più volte ho chiesto al sindaco, sia come richiesta scritta che verbalmente, di emettere un’ordinanza che obblighi alal ristrutturazione delle mura (come chiedono i residenti) ma nulla di fatto ancora

6/10/12: nasce il “COMITATO SPONTANEO DI CITTADINI – VIA TORRESI/VIA SEPPILLI”

PER FARE SEGNALAZIONI, OCCORRE RECARSI NELLA SEDE DI O COMUNICARE L’EDESIONE, GRATUITA E SPONTANEA VIA EMAIL: comitato.torresiseppilli@gmail.com

ATTO COSTITUITIVO DEL COMITATO

Il 28/9/12 si sono riuniti in Ancona, via Torresi n° 53, un gruppo di cittadini, residenti ed operatori commerciali del quartiere, ed hanno deliberato di costituire un Comitato spontaneo di volontariato denominato “Comitato Spontaneo di cittadini – via Torresi/via Seppilli”, composto dai promotori e da tutti i residenti ed operatori commerciali delle vie Torresi, Seppilli, Gigli, Costa, Moroder, Ciavarini, Camerano, del quartiere Grazie di Ancona.

Il Comitato ha carattere spontaneo, volontario, apartitico e apolitico e si incontra periodicamente e pubblicamente per far emergere, grazie alle segnalazioni di tutti, le problematiche che infliggono il quartiere, studiare insieme le soluzioni possibili, coinvolgere la Circoscrizione e l’Amministrazione Comunale per trovare le migliori soluzioni possibili, allo scopo di migliorare la qualità delle vita del quartiere, interessandosi di ogni aspetto che coinvolge i residenti ed agendo attraverso campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di tutti gli Organi Istituzionali che abbiano il potere di intervenire in maniera diretta od indiretta.

Il Comitato nasce come naturale prosecuzione della “Petizione popolare per chiedere la ristrutturazione della mura di via Torresi” che ha visto tanti residenti ed operatori commerciali collaborare attivamente con il promotore della Petizione in un lavoro condiviso e di quartiere, raccogliendo in poco più di un mese 1.167 firme; petizione consegnata nella mani del Sindaco dal promotore stesso. A seguito della mancanza di risposte, nonostante i continui solleciti presso l’Amministrazione, nasce questo Comitato spontaneo.

Al Comitato possono aderire tutti i cittadini interessati sottoscrivendo il documento di costituzione.

Gli organizzatori nominano Portavoce del Comitato la Sig.ra Daniela Urbani alla quale vengono conferiti poteri di rappresentanza del comitato nei rapporti con i terzi.

Sede del Comitato Volontario, dove recapitare segnalazioni scritte, è la Tabaccheria Urbani, via Torresi 53, Ancona

email: comitato.torresiseppilli@gmail.com

21/9/12: visto il malconetento in via Torresi e limitrofe ho sollecitato nuovamente il Sindaco ad emettere un’ordinanza per le mura ma non ho avuto risposta..

27/8/12: ancora silenzio dopo il nuovo sollecito fatto il 5/8/12 per chiedere l’ordinanza per le mura di via Torresi..

5/8/12: chiesta al Sindaco e agli Assessori competenti un’azione che obblighi alla ristrutturazione (ordinanza).

Cari Sindaco ed Assessori, la presente per sollecitare interventi di manutenzione nel tratto di via Torresi interessato dal cedimento delle mura e impraticabilità dei marciapiedi a causa dei puntellamenti. Premesso che:

–          a giugno 2011 è stata consegnata una petizione pubblica, firmata da 1.167 cittadini, in cui si chiedeva il ripristino dell’integrità delle mura di via Torresi e dei marciapiedi attualmente impraticabili a causa dei puntellamenti (situazione che dura da almeno 15 anni) che costringono le persone a camminare sulla carreggiata con notevole pericolo alla pubblica incolumità;

–          gli operatori commerciali della via in questi anni, e soprattutto in questo ultimo, hanno chiesto a più riprese interventi risolutivi sulle mura e marciapiedi, oltre che asfaltatura della via, ormai ridotta a colabrodo, e potenziamento dell’illuminazione, anche a seguito di episodi di microcriminalità;

–          nella recente (maggio) Assemblea Pubblica, chiesta da Alleanza per l’Italia – API – Ancona per dare segno alla cittadinanza di attenzione alla problematica, molti cittadini ed operatori commerciali hanno manifestato biasimo (per non dire altro…) per l’immobilità dell’Amministrazione; per contro gli Assessori competenti hanno assicurato che solo il tratto a destra (a salire) delle mura, saranno ristrutturate perché parte del piano di recupero dell’area di via Seppilli, già finanziata con fondi provinciali;

–          in seguito a tale previsione d’intervento rimane escluso il tratto di mura di decine di metri e le scalette per via Camerano molto più lesionate e pericolanti;

–          le mura sono in parte di proprietà di privati e in parte dell’ERAP;

–          è ora di rassicurare i residenti ed operatori commerciali che tutte le mura saranno ristrutturate ed i marciapiedi ripristinati al transito (oltre che la strada asfaltata e l’illuminazione potenziata).

Con la presente si chiede cosa l’Amministrazione pensa di voler fare per rispondere ai cittadini su questo problema e se intende avvalersi di azioni (ad esempio un’ordinanza?) previste per il ripristino di questa situazione degradante e pericolosa. Si rammenta che molte volte, quando ci sono situazioni di pericolosità che necessitano di messa in sicurezza e lavori di ristrutturazione, il Comune emette delle ordinanze (come quella emessa a carico del Parroco della chiesa delle Grazie per ristrutturare il campanile) che obbliga ad eseguire i lavori necessari.

Il Presidente del Consiglio, Letizia Perticaroli, ha parlato della questione con l’Ing. Lucchetti, il quale ha riferito che un’ordinanza in tal senso esisteva ma che i residenti non si sono adeguati. Alla richiesta di accesso agli atti, che attendiamo ancora, l’Ingegnere dice ora che si era sbagliato e l’ordinanza non esiste… Attendiamo, ed i cittadini con noi, ancora risposte, soprattutto interventi.

Chiediamo quindi cosa intenda fare il Sindaco e l’Amministrazione su questa questione, se intende o meno emettere un’ordinanza e se necessario, prevedere aiuti economici, magari stornandoli da altri fondi (es. dai regali di parcheggi in centro o altre voci..), per la famiglie non in grado di sostenere impegni economici gravosi e quindi bisognose di aiuto.

In attesa di riscontro si inviano Cordiali Saluti

_____________________________________

Ecco il mio intervento all’Assemblea del 16 maggio:

Buonasera, innanzitutto il saluto agli assessori e ai presidenti di circoscrizione e a tutti i partecipanti all’assemblea.

Sono Daniele Ballanti Coordinatore comunale di Alleanza per l’Italia Ancona e ideatore della PETIZIONE per chiedere la ristrutturazione della mura pericolanti di via Torresi che l’anno scorso ha raccolto in soli 40 giorni 1.167 sottoscrizioni.

L’anno scorso dopo le numerose lamentele per la situazione delle mura transennate di via Torresi, da circa 15 anni, e constatando di persona il degrado e la pericolosità per l’inagibilità dei marciapiedi ho proposto la petizione agli operatori economici ed alcuni residenti della via e poi li ho coinvolti nella raccolta delle firme. Praticamente si è mobilitato un intero quartiere ed insieme abbiamo raccolto tante firme in poco tempo, e questa è la prova di quanto sia fortemente sentita questa problematica..

Per mesi io e Letizia Perticaroli, Presidente del Consiglio che già nella scorsa sindacatura sollecitò interventi sulle mura con un’interrogazione, abbiamo seguito l’evolversi della situazione praticamente ininterrottamente confrontandoci con l’assessore competente e il presidente di circoscrizione.

Trascorrendo i mesi senza che niente accadesse, nello sconcerto dei firmatari della petizione, ho proposto al precedente assessore ai Lavori Pubblici e al presidente Mandarano questa Assemblea in cui tutti i soggetti coinvolti, Comune, proprietari delle mura, residenti ed operatori economici potessero essere ascoltati e rassicurati sulla presa in carico della problematica ed esauditi nella richiesta di avere mura ristrutturate e marciapiedi liberi da transenne e finalmente transitabili. Ovviamente individuando soluzioni condivise.

Abbiamo appreso con soddisfazione che grazie all’intervento della Provincia di Ancona con un finanziamento pubblico di 413 mila euro per la riqualificazionedella piazzetta in via Serpilli e la realizzazione di un parcheggio e manutenzione varia, tra cui gli interventi su un piccolo tratto delle mura di via Torresi, vengano finalmente annunciati i primi interventi e per questo ringraziamo naturalmente il Sindaco, gli Assessori competenti e il Presidente della circoscrizione.

Ma la soddisfazione è parziale, perché solo una parte della mura verrà sistemata,per quelle che versano in stato più preoccupante ancora non sono stati annunciati  interventi.. Siamo tuttavia fiduciosi che con questo primo segnale l’attenzione sarà ora concentrata sulle mura a sinistra, coinvolgendo tutti iproprietari e i residenti per interventi condivisi, e sulla strada/marciapiedi.

Una rappresentanza dei firmatari della petizione è presente in sala, per ascoltare le risposte da parte dell’Amministrazione a quanto chiesto con la petizione, risposte certamente tanto attese e diciamo anche dovute..

Concludendo ringraziamo gli Amministratori per l’impegno che questa sera prenderanno di fronte ai firmatari e ai residenti per completare il recupero delle mura e marciapiedi e restituire decoro a questo quartiere.

Dopo l’Assemblea Pubblica che tanto abbiamo chiesto, dopo tutti gli interventi di ieri sera, personalmente rimango in attesa di passi che impegnino gli amministratori a risolvere i problemi illustrati daii residenti: innanzitutto verificare se con qualche risparmio si possa provvedere a sostituire l’illuminazione carente e poi porteremo immediatamente in “maggioranza” il problema, chiedendo al Sindaco di mettere in campo qualsiasi azione che vincoli ognuno a fare la propria parte… La cosa è certa: persone che sono uscite ieri sera dall’assemblea deluse, a queste vorrei dire andiamo avanti e non perdete la speranza.. Coniinuerò a tenervi informati per i prossimi, spero celeri, aggiornamenti! E comunque farò a breve un giro da voi e metteremo in campo altre iniziative per tenere alta l’attenzione sulla situazione

17/5/12: dopo l’Assemblea Pubblica che tanto abbiamo chiesto, dopo tutti gli interventi di ieri sera, personalmente rimango in attesa di passi che impegnino gli amministratori a risolvere i problemi illustrati daii residenti: innanzitutto verificare se con qualche risparmio si possa provvedere a sostituire l’illuminazione carente e poi porteremo immediatamente il problema all’attenzione della maggioranza chiedendo di mettere in campo qualsiasi azione che vincoli ognuno a fare la propria parte… Una cosa è certa: persone che sono uscite ieri sera dall’assemblea deluse, a queste vorrei dire andiamo avanti e non perdete la speranza.. Coninuerò a tenervi informati per i prossimi, spero celeri, aggiornamenti! E comunque metteremo in campo altre iniziative per tenere alta l’attenzione sulla situazione

16 maggio 2012 ore 21,00 nei locali della Parrocchia delle Grazie Assemblea Pubblica sulla riqualificazione via Serpilli e quartiere”. Dal pubblico affronteremo anche la situazione delle mura di via Torresi per cui l’anno scorso abbiamo raccolto con la petizione che ho ideato 1.167 firme in un mese” e per cui ho continuamente sollecitato risposte in tal senso all’Amministrazione. Partecipate!

17/4/12: aggiornamento: dopo mesi che sto chiedendo agli Amministratori di dare atto quanto richiesto dai firmatari della petizione che ho ideato l’anno scorso (la cui raccolta firme è stata fatta in collaborazione con gli esercizi economici della via che hanno aderito e singoli cittadini), finalmente qualcosa si muove: i primi interventi su una parte di mura sono già in calendario e inizieranno a breve. Anche l’Assemblea pubblica che sto caldeggiando, luogo per mettere in contatto amministratori, cittadini, proprietari delle mura, si svolgerà, così sono stato assicurato, a metà maggio. Resto pertento in fiduciosa attesa di vedere realizzarsi questi due eventi!

Articolo di Vivere Ancona

Al via il Piano di recupero urbano de ‘Le Grazie’ di Ancona. Dopo quindici anni si arriva finalmente ad una soluzione che permetterà il recupero della zona: stanziati 413mila euro. Compresa, anche se parzialmente, la ristrutturazione delle mura di via Torresi, zona per la quale gli abitanti del quartiere si battono da mesi per vederla restrutturata. Un primo grande passo verso la soluzione.

Un balzo in avanti quello che permetterà dopo tanta attesa di recuperare la zona de ‘Le Grazie’. Il piano di recupero urbano, rimasto fino ad oggi incompiuto a causa del sopraggiunto fallimento dell’impresa Sparaco incaricata a suo tempo dei lavori (2003), sarà attuato.

La svolta arriverà grazie all’intervento della provincia di Ancona con un finanziamento pubblico di 413 mila euro, circa gli 800 milioni del vecchio progetto. L’accordo é stato suggellato nelle settimane scorse e permetterà di sbloccare le risorse per la riqualificazione della piazzetta. Più che una piazzetta, un crocevia dove confluiscono via Moroder, via Gigli e via Serpilli. Sarà inoltre realizzato un parcheggio e manutenzione varia. Compresa anche la questione spinosa di via Torresi, una zona degradata dove da tempo i cittadini chiedono con insistenza la ristruttrutturazione delle mura di via Torresi. La restrutturazione seppur complessa e significativa comprenderà solo una parte delle mura.

“Un ottimo risultato – ha affermato l’assessore provinciale al Social housing Marcello Mariani – che, sbloccando un’annosa paralisi burocratica, consente l’avvio di un intervento lungamente atteso. Il progetto, inoltre, può rappresentare un’occasione di rinascita di uno dei quartieri storici di Ancona, a vantaggio sia dei cittadini che delle numerose attività commerciali della zona”.

Il Comune di Ancona, grazie a questo accordo, si impegna ad a iniziare i lavori entro tredici mesi. Inoltre l’amministrazione comunale stanzierà altri 200mila euro di fondi propri per altra manutenzione straordinaria del quartiere. Le eventuali somme eccedenti saranno poi messe a disposizione dell’Erap e saranno utilizzati per la manutenzione dell’edilizia residenziale pubblica dorica.

“Grazie a questo intervento – ha spiegato l’assessore comunale all’Urbanistica Eliana Maiolini – bonifichiamo un’area ad alto rischio di degrado. L’intervento é stato voluto subito ed attraverso questo programma di recupero urbano poniamo rimedio a questa annosa situazione. Il progetto esecutivo partirà da subito e nell’arco di un anno e mezzo l’opera sarà terminata.”

A questa bella notizia si compiace il promotore della petizione ‘Mura di via Torresi’, nonché Coordinatore comunale Api Daniele Ballanti che afferma: “Soddisfatto che una parte delle mura sarà ripristinata, ma mi auguro che al più presto si potrà intervenire anche sull’altra parte delle mura di via Torresi. Continuerò ad occuparmi di questo caso come faccio da mesi. Necessario infatti un’intervento anche dall’altra parte delle mura. Al più presto il presidente della terza circoscrizione Massimo Mandarano comunicherà la data per l’assemblea pubblica, forse a metà maggio”.

29/2/12: rapporto giornalisti-informazione-comunicazione e mura di via Torresi. c’è spazio per tutti?

Ieri sul Resto del Carlino nella rubrica di Andrea Brusa leggo l’ennesimo intervento di un cittadino di via Torresi, indignato per la situazione delle mura pericolanti, il quale si scaglia contro l’Amministrazione senza sapere alcune cose.
 
Prima cosa: il sottoscritto, Daniele Ballanti, ha ideato, promosso e fatto sottoscrivere una petizione popolare durata appena un mese a ben 1167 persone;
Seconda cosa: la situazione per quanto è di mia competenza e portata la sto seguendo da mesi ma il  fatto che complica gli interventi è che le mura in questione sono in parte pubblica e in parte private (ERAP e singoli proprietari, anche pensionati) e mettere insieme la volontà di tutti di ristrutturare non è certamente semplice.

In questa situazione problematica e degradante per il quartiere si inserisce anche il disagio degli operatori economici (la foto di gruppo assieme alcuni di loro al termine della raccolta) con cui parlo frequentemente e costantemente, come chi conosce il quartiere può ben verificare recandosi in tabaccheria, al bar, al negozio di abbigliamento, ecc..

foto di gruppo promotore della petizione e rappresentanza degli operatori economici di via Torresi

Il mio impegno non è mai mancato e notizia recente è che il presidente della III circoscrizione Mandarano ha garantito un’Assemblea Pubblica nel quartiere dove posssano confrontarsi tutti, proprietari delle mura (ai quali spetta l’onere delle ristrutturazioni sulle mura private), ERAP, Comune, operatori economici, cittadini, ecc..

Mi interfaccio con l’Ammministrazione per questa Assemblea Pubblica, che ho chiesto due mesi fa’ e ribadita ieri a Palazzo, appunto per cercare di sbloccare la situazione coinvolgendo tutti gli “attori” coinvolti, in un’operazione trasparente, alla portata dei cittadini, per individuare soluzioni nella massima condivisione e responsabilità.

Questo ho scritto ieri al Sig.Andrea Brusa affinchè nella sua rubrica pubblichi la mia spiegazione così da fornire ai lettori anche l’altra faccia della problematica per completezza d’informazione.

_________________________________________________

28/2/12: aggiornamento

dato che sono stato il promotore della petizione e che sto seguendo da mesi l’evoluzione della situazione, dopo l’articolo di oggi sul Carlino, mi piace ribadire che “nessuno scopre l’acqua calda oggi”… Anche oggi ho parlato con il Presidente della III Circoscrizione, il quale mi ha assicurato che l’Assemblea Pubblica è in dirittura d’arrivo e che, se il tutto viene confermato, ci sono ampi spiragli per parlare di un progetto.. Continuo a seguire la cosa e riferirò come mio solito

____________________________________________

30/1/12: il presidente della IIIa circoscrizione mi ha comunicato che l’Assemblea pubblica per le mura di via Torresi, prevista inizialmente per inizio febbraio è posticipata di circa un mese per “novità” in arrivo… Continuo a seguire i lavori e riferirò chi aspetta con trepidazione questa assemblea.

__________________________________________________

18/1/12: ho avuto assicurazioni dall’assessore Pasquini e dal presidente della IIIa circoscrizione che a inizio febbraio si svolgerà l’Assemblea pubblica per le mura di via Torresi, assemblea in cui sono invitati tutti i cittadini

_______________________________________________

24/12/11: aggiornamento ristrutturazione mura di via Torresi:

ho parlato con l’assessore ai Lavori Pubblici Pasquini sulle esigenze di commercianti e dei residenti di via Torresi che chiedono da anni interventi risolutori; il problema è che le mura a sinistra (a salire lungo la via nei pressi delle scalette e poco più su) sono private quindi gli interventi li devono fare a proprio carico i proprietari delle abitazioni. Le mura a destra invece sono di competenza pubblica e a breve dovrebbero partire i lavori di ristrutturazione. In calendario invece i lavori di asfaltatura di tutta via Torresi; ovviamente i marciapiedi saranno sistemati solo dopo gli interventi sulle mura. Per una buona comunicazione con tutti gli interessati (proprietari, residenti, commercianti) ho proposto una assemblea pubblica in modo che tutti gli “attori” coinvolti possano sentirsi partecipi nella ricerca di soluzioni responsabili e condivise. L’assemblea si svolgerò fine gennaio-inizio febbraio e sarà organizzata dalla Terza Circoscrizione; resterò in contatto con il presidente Mandarano e con l’assessore competente. Ho prontamente informato gli esercizi commerciali di via Torresi. Appena ci saranno novità ne darò prontamente comunicazione.

______________________________________________

2/12/11: aggiornamento ristrutturazione mura via Torresi

I lavori per la ristrutturazione della scuola sono partiti, su strada, mura e illuminazione ancora nulla…

Ho proposto ai commercianti una lettera di sollecito all’Amministrazione per ribadire la richiesta di interventi urgenti ed anche la costituzione in una sorta di associazione di commercianti di via Torresi. La lettera è firmata dai numerosi esercizi commerciali della via e consegnata in Comune.

Il problema del commercio è anche quello di sostenere i commercianti della seconda Ancona, perchè non esistono solo quelli del centro che chiedono praticamente di tutto.. Quindi sostengo, orami da tempo, questi amici commercianti del mio quartiere e mi sto interessando in ogni livelli per i loro problemi (oltre a quelli dei miei concittadini)

_____________________________________________

4/11/11: ho chiesto al Sindaco e all’Assessore cosa intendano fare per le mura; mi hanno risposto che potrebbero firmare un ordinanza con la quale si rendono obbligatori i lavori da parte dei proprietari… Riferirò la cosa ai negozianti e a coloro che hanno firmato.

_________________________________________

5/8/11: aggiornamento della petizione delle mura di via Torresi sotto.

________________________________________

PETIZIONE PER CHIEDERE LA RISTRUTTURAZIONE DELLA MURA PERICOLANTI IN VIA TORRESI

1.167 GRAZIE!!!!!!!

5/8/11: ieri, 4 agosto, ho chiesto all’Assessore a che punto è la pratica, mi ha riferito che sono stati già contattati dei condomini e fatti dei sondaggi tecnici; sembra che dopo l’estate dovrebbe iniziare a procedere l’iter.

Chiedendo pure della situazione delle scuole Domenico Savio, anche questi lavori partiranno dopo l’estate.

Continueremo a seguire gli sviluppi.

3/6/11: consegnata e protocollata la petizione in Comune

28/5/11: raggiunte le 1.167 firme! La settimana prossima consegnerò la petizione in Comune al protocollo e anche a mano al Sindaco!

21/5/11: raggiunte le 1000 firme in 32 giorni, ultima settimana di raccolta…

19/5/11: a un mese dall’inizio della raccolta firme, arrivati a 900! obiettivo 1000 vicino!

17/5/11: superate le 800 firme! obiettivo 1000.

15/5/11: siamo arrivati a 700 firme, obiettivo 1000.

7/5/11: siamo arrivati a 600 firme, obiettivo 1000.

Testo della petizione:

Gentile Signore, Gentilissima Signora,

la situazione delle mura in via Torresi è veramente deplorevole e, dopo anni di incuria e disinteresse, è ora che l’Amministrazione provveda a ristrutturarle, superando gli ostacoli burocratici e organizzativi che hano contraddistinto in questi anni questa questione .

A tale scopo ho avviato una raccolta di firme per una petizione da consegnare direttamente al Sindaco.

Chiedo pertanto di unirvi ai residenti di via Torresi e ai cittadini tutti di Ancona per aggiungere la vostra richiesta alla nostra,  firmando la petizione.

FIRMA ANCHE TU ONLINE:

http://www.petizionionline.it/petizione/petizione-per-chiedere-la-ristrutturazione-della-mura-pericolanti-in-via-torresi/3946

OPPURE RECANDOVI DIRETTAMENTE nei negozi che hanno aderito all’iniziativa e dove è possibile firmare:

  • Tabaccheria Urbani Daniela, Via Torresi, 51
  • Fanesi abbigliamento, Via Torresi 45
  • Lavanderia, Via Torresi, 53
  • Cartolibreria, Via Torresi 50
  • Il Brillo Parlante, Via Torresi 52
  • Bar Sole Luna Cafè, Via Torresi 105
  • Parrucchieria Gabriella, Via Torresi 107
  • COAL supermercato, Via Torresi 113

PETIZIONE AL SINDACO

Gentile Sig. Sindaco,

ho deciso di iniziare una raccolta di firme per sollecitare l’Amministrazione ad intervenire, dopo anni di vana attesa, su sul problema di seguito descritto.

Il tratto di via Torresi, strada principale del quartiere delle Grazie, compreso tra le scalette di via Camerano fino all’incrocio con l’omonima via è da anni interessato allo smottamento del terreno che ha causato il cedimento di tratti di mura: due tratti in via Torresi lato via Camerano ed uno nella parte opposta della carreggiata, mura che dividono via Torresi dalla sottostante strada condominiale.

Le mura lato via Camerano da anni sono puntellate da assi e pali di legno e di ferro e occupano l’intero marciapiede, costringendo i pedoni a transitare sulla carreggiata. Il tratto di fronte, quello ceduto sulla strada condominiale, oltre ad avere il marciapiede dissestato è diventato ricettacolo di immondizia e sporcizia che “rotola” nella proprietà sottostante, spettacolo indecente ed indecoroso che comporta immondizia che scende dalla strada negli spazi privati sottostanti.

Con la presente raccolta di firme chiedo e con tutti i firmatari chiediamo che il Comune di Ancona intervenga urgentemente con interventi risolutori per ripristinare l’agibilità delle mura interessate, la transitabilità pedonale dei relativi marciapiedi, risolvendo questa situazione ormai intollerabile per i residenti e per quanti transitano nel quartiere.

Si allegano foto eloquenti.

In attesa di risposta porgo Cordiali Saluti.

Daniele Ballanti

4 pensieri riguardo “decoro, manutenzioni, comitato di via torresi

  1. complimenti. bella iniziativa da copiare per le tante altre situazioni di degrado della nostra città.
    teniamoci in contatto.
    hai la mia firma.
    ciao

  2. è veramente un’indecenza tenere una via in quelle condizioni , tra l’ altro è anche pericoloso perchè limita la viabilità pedonale e riduce la carreggiata stradale.
    Spero questa iniziativa possa sensibilizzare l’ amministrazione comunale.

    Saluti

  3. Ho dato e dò il mio appoggio incondizionato all’inniziativa,sono anni che invio e-mail all’ex sindaco Sturani,all’attuale sindaco Gramillano,ai vari presidenti di quartiere che si sono succeduti,articoli sui giornali Corriere Adriatico,Resto del Carlino Ancona,facendo presente oltre a via Torresi anche via Antinori,che per coerenza dovrebbe essere chiamata via IMBRECCIATA visto le condizioni in cui si trova da anni,persino l’UFFICIO TECNICO del comune si rifiuta di chiudere le buche,in quanto sono soldi sprecati.Purtroppo i 4500000,00 € stanziati nel programma triennale 2010/2012 dalle opere pubbliche,stanno finendo e non riscontro risultati aprezzabili per quanto riguarda queste due vie.Ho notato comunque che la stessa cifra è stata spesa nel giro di 3 mesi per il Congresso Eucaristico Nazionale ????
    Saluti
    Elio Andreani

  4. ..complimenti x l’iniziativa xo’, c’e’ sempre un xo’!!! c’e’ chi precedentemente si era interessato alla situazione di degrado della via, mi riferisco ai residenti della stessa via camerano e alla signora SISANI FIORELLA che si era impegnata x tale problematica. gia’ nel 2006 si erano mossi x denunciare alla stampa e portando allo stesso sindaco e all’assessore AMBROGINI le foto dello stato delle mura, mi piacerebbe che venisse riconosciuto tale impegno. nessuna critica ci mancherebbe, chi ha delle possibilita’ e’ logico ke riesce prima nell’intento…….gabriele

    la mia risposta:

    Buongiorno Sig. Gabriele,

    ho approvato il suo commento così la Signora in questione avrà sul mio blog il riconoscimento per l’attività che ha svolto.
    Io non la conosco ma se Lei afferma questo è tutto pubblicato..
    Io dal mio conto posso dire che dal 2009 seguo la vicenda ed ho “inventato” degli strumenti, a disposizione di qualunque cittadino, per premere dal basso, perché io sono un cittadino come ogni altro quando ho iniziato ad occuparmi della questione. Gli strumenti di pressione sono stati:
    – una petizione, andando casa per casa, negozio per negozio, mettere insieme residenti e negozianti per ottenere un fantastico obiettivo di 1.167 firme in un mese.
    – Sono andato dal Sindaco e ho consegnato nelle sue mani la petizione promettendogli che ogni settimana mi sarei fatto vivo fino ad ottenere ascolto
    – Sono andato avanti per mesi a fare questo, fino a chiedere una Assemblea Pubblica sulla questione che si è svolta a maggio
    – Ho continuato settimanalmente a premere
    – Vista l’immobilità ho ideato un Comitato Spontaneo di cittadini per un’ulteriore pressione e ho parlato con residenti e negozianti, trovando disponibilità a farlo nascere e così è stato.
    – Ho chiesto nuovamente al Sindaco (ognuno può prendere appuntamento ed andare da lui..) l’emissione di un’ordinanza per obbligare i lavori, come chiesto dai residenti e commercianti, fino a che è stata emessa.
    – Ora ho un incontro chiesto con assessori per la questione di via Seppilli e la piazzetta…

    Tutto questo può farlo chiunque, dedicando tanto tempo ed energie, quindi rendo merito alla Signora di cui Lei parla e l’ho fatto pubblicando il suo commento, ma mi creda che ci vuole una forte determinazione e impegno per centrare gli obiettivi.. ma chiunque può farlo!

    Cordiali Saluti

    Daniele Ballanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: